News

Top 10 Articoli

View RSS Feed

Data 2019-05-08 | Visti  31 |

Data 2019-05-07 | Visti  64 |

Data 2019-04-22 | Visti  47 |

Data 2019-04-17 | Visti  561 |

Data 2019-03-12 | Visti  112 |

Data 2019-03-10 | Visti  154 |

Data 2019-03-10 | Visti  244 |

Data 2019-03-10 | Visti  2,155 |

Data 2019-03-10 | Visti  47 |

Data 2019-03-10 | Visti  79 |

Famiglia in Italia
Data 15-04-2015 | Visti  1071

Primo passo verso il matrimonio omosessuale in Italia: nella giornata di giovedì 26 marzo la Commissione giustizia del Senato ha dato il via libera al ddl Cirinnà sulle Unioni civili. Il testo è stato approvato dalla maggioranza della Commissione con quattordici voti favorevoli, una astensione e 8 voti contrari.

Ora la palla passa all'aula del Senato che avrà tempo fino al 7 maggio prossimo per presentare emendamenti al ddl che, stando al testo base, parificherà sostanzialmente l'unione di due persone dello stesso sesso al matrimonio tra uomo e donna. Nel testo passato all'aula del Senato rimane anche la stepchild adoption, cioè la possibilità per uno dei due membri della coppia di adottare il figlio biologico del partner e che sarà di fatto un incoraggiamento alla pratica vergognosa dell'utero in affitto.

Si tratta di un testo profondamente ideologico, nel quale si legge a chiare righe la volontà di ribaltare il concetto di famiglia in Italia.

Dopo la dura condanna dell'ideologia gender delle scorse settimane da parte di Papa Francesco e del Presidente della CEI, cardinale Angelo Bagnasco, è arrivata ora la presa di posizione di monsignor Nunzio Galantino, Segretario generale della CEI:

"Ancora una volta è in atto un tentativo di equiparare realtà che di fatto sono diverse tra loro," ha affermato il segretario. "La famiglia è una realtà storicamente, culturalmente e antropologicamente definita. Oggi, col ddl Cirinnà si farebbe una forzatura ideologica per ridurre realtà diverse come fossero uguali, […] "Siamo di fronte a un uso improprio e ideologico dello strumento giuridico. Occorre invece avere il coraggio di riconoscere le differenze, senza pretese di fare del terrorismo linguistico, confondendo il doveroso rispetto dei diritti con una forzature giuridica". 

Aggiornamenti Recenti

Evagrio65 Logged in 4 minuti fà
123alessandro65 Logged in 10 minuti fà
giusy2019 Logged in 10 minuti fà
Diamante74 Logged in 12 minuti fà
lalla86 Logged in 18 minuti fà

Nuovi Utenti

penny9107 - 1 giorni fa 33 Anni / Italia
Moryoso - 1 giorni fa 47 Anni / Italia
Marti - 2 giorni fà 42 Anni / Italia
FrancescoM - 3 giorni fà 35 Anni / Italia
andrea1982 - 3 giorni fà 36 Anni / Italia
bosnianarabicchinesecroatiandanishdutchenglishfrenchgermangreekitalianjapanesepolishportuguesromanianrussianslovenskospanishswedishthaiturkeyczechkoreannorwegianslovaktaiwanesevietnamese