Psicologia

Top 10 Articoli

View RSS Feed

Data 2019-05-08 | Visti  23 |

Data 2019-05-07 | Visti  52 |

Data 2019-04-22 | Visti  47 |

Data 2019-04-17 | Visti  427 |

Data 2019-03-12 | Visti  108 |

Data 2019-03-10 | Visti  142 |

Data 2019-03-10 | Visti  243 |

Data 2019-03-10 | Visti  2,151 |

Data 2019-03-10 | Visti  45 |

Data 2019-03-10 | Visti  75 |

Paura dei legami
Data 08-04-2017 | Visti  535

 

La paura dei legami

La situazione di oggi

Oggi i giovani nei confronti del matrimonio dimostrano un atteggiamento di panico e di fuga. Ciò che più sconvolge oggi è l'impegno di un rapporto preso "per sempre", come una forma di timore sul futuro dato che oggi si è abituati a vivere alla giornata. Questo fatto produce quello che i sociologi chiamano la famiglia prolungata: i figli stanno così bene nella famiglia propria da non volerne costruirne altre. Il 65% dei giovani tra i 18 e i 29 anni infatti vive ancora in famiglia. Le età della vita sembra che abbiano subito un mutamento: un tempo l'età matura corrispondeva con il momento del matrimonio ed evidenziava la presa di importanti responsabilità. Oggi l'età matura sembra essersi spostata in avanti mentre l'adolescenza sembra essersi prolungata. In questa età dell'adolescenza i giovani di oggi sono però in grado di prendersi seriamente delle responsabilità a livello tecnico o professionale, ma non a livello affettivo o umano perché ci si sente ancora impreparati.

Oggi non è raro incontrare la figura del single, il quale crede di potersi realizzare meglio senza intessere alcun legame. Il fatto di amare, infatti, implica il fatto di introdurre una persona nella propria vita, ma per far ciò occorre fare un po' di spazio. Se una persona è invece totalmente piena del proprio io non può accogliere una persona a meno che non la "usi" strumentalizzandola e prendendola solo per quello che può dare o offrire di utile e di piacevole ma senza accoglierla nella propria vita. Ecco perché il singolo entra in tutta quella serie di rapporti episodici ed occasionali, che cercano di riempire la sua vita: percepisce attorno a sé una dimensione di vuoto che desidera colmare. Solo quando si arrivaall'età adulta allora si percepisce quel senso insopprimibile di solitudine che costringe molte persone a rivolgersi ad agenzie matrimoniali, ma spesso è troppo tardi perchè quando si arriva ad una certa età aumenta il numero di pretese e perché non si ha più quella malleabilità che permette un adattamento reciproco. Per costruire una coppia invece bisogna "venirsi incontro" e abbandonare qualcosa della propria esistenza (modi di pensare, hobby, tradizioni, sensibilità) perché si incontra un mondo nuovo e diverso.

Una alternativa ai figli di famiglia prolungati o ai single c'è la convivenza perché viene percepita come una gabbia con la porta sempre aperta mentre il matrimonio è visto come una gabbia con la porta definitivamente chiusa. Le convivenze oggi possono essere di due tipi: quelle ideologiche (perché si ritiene che né lo Stato né la Chiesa abbiano il diritto di introdursi nei propri rapporti affettivi) e quelle di fatto o di prova in vista di un futuro matrimonio. In Franzia già numerose coppie hanno scelto per i PACS, ossia una forma di convivenza regolamentata che permette ad ogni persona che vuole vivere con un'altra persona determinati diritti giuridici. Queste coppie possono liberamente unirsi e liberamente dividersi, anche contro il volere dell'altro contraente e senza interventi di carattere legale.


L'importanza di costruirsi come persone

Le persone oggi hanno una vera e propria paura dei legami ma nello stesso tempo hanno anche una forte paura di stare da sole, e per questo si sentono insicure, preoccupate ma nello stesso tempo desiderose di protezione. Dunque c'è una contrapposizione tra quel desiderio di sfrenata libertà che vorrebbe una realizzazione puramente individuale e quel sentimento di infinita solitudine che non può essere superato se non nello spirito. Come è dunque possibile uscire da questa situazione?

Per prima cosa occorre cambiare la mentalità dei giovani circa l'amore e il matrimonio così come oggi viene proposto dalla cultura attuale. Coloro che vogliono inserirsi con serietà e sincerità in questo percorso come luogo della maturazione umana devono prepararsi e andare controcorrente! Perché occorre prepararsi? Perché non si nasce capaci di un amore adulto, ma si nasce solo capaci di un amore iniziale. Se uno vuole amare veramente deve prima costruirsi come persona umana e non badare solo a curare l'aspetto estetico, che pure è importante, altrimenti il rischio è quello di apparire come un bell'involucro che a prima vista può attrarre e sedurre ma che poi a lungo andare non sa più di nulla perché povero di idee e privo di valori. L'esperienza non la si fa solo col passare degli anni, ma riflettendo sui fatti che accadono giorno per giorno nella propria vita e traendone insegnamenti di vita.

Oggi le scuole ci insegnano ogni forma di materia e di sapere scientifico. Ma se per la cosa più importante che c'è, ossia saper amare, occorre costruirsi come persone, chi ci insegnerà ad essere persone? Se nessuno ce lo insegna, ciascuno finisce per arrabattarsi alla meno peggio per conto suo, ma se sbaglia rischia di perdere l'appuntamento che più conta nella sua vita. Cosa serve sapere tutto ed avere tutto se poi non hai costruito te stesso? San Tommaso D'Aquino ci insegna la grande differenza che c'è tra l'uomo e tutti gli altri esseri viventi: se gli altri esseri viventi sono guidati dall'istinto e dalle pulsioni, l'uomo è invece l'unico essere che è in grado di guidare sé stesso. Sono dunque io uomo ed io donna, ciascuno con le proprie caratteristiche di mascolinità e di femminilitò, che scelgo ciò che voglio essere! Questa la grandezza della dignità della persona! Io posso essere vuoto o ricchissimo di umanità in base a come io mi costruisco giorno per giorno creando in me le qualità che mi fanno persona umana.

Quali sono le qualità che vorreste trovare nel vostro partner? L'elenco è lungo: fedeltà, sincerità, coerenza, sicurezza, gratitudine, disponibilità... Si tratta, come potete vedere, di un esame di coscienza che tutti possiamo fare perché ciò che vogliamo trovare nell'altro è ciò che possiamo costruire giorno per giorno anche in noi stessi. Queste sono le qualità che fanno la persona umana, e che non deludono mai. La delusione, l'amarezza e la povertà del rapporto dipendono spesso dalla delusione di chi scopre che l'altra persona ci delude nelle nostre attese e e nei desideri più profondi che noi abbiamo nel nostro cuore.

 

Aggiornamenti Recenti

Mary1963 Logged in 4 minuti fà
elenaleonardo Logged in 11 minuti fà
lucag Logged in 17 minuti fà
francesco0fra Logged in 22 minuti fà
ClaudiaB Logged in 32 minuti fà

Nuovi Utenti

Sarah123 - 1 giorni fa 41 Anni / Italia
luca_675 - 1 giorni fa 39 Anni / Italia
MCassino - 3 giorni fà 46 Anni / Italia
Danilele - 3 giorni fà 33 Anni / Italia
Evagrio65 - 4 giorni fà 54 Anni / Italia
bosnianarabicchinesecroatiandanishdutchenglishfrenchgermangreekitalianjapanesepolishportuguesromanianrussianslovenskospanishswedishthaiturkeyczechkoreannorwegianslovaktaiwanesevietnamese