Cantico dei Cantici

Top 10 Articoli

View RSS Feed

Data 2023-01-04 | Visualizzazioni  1,492 |

Data 2022-12-26 | Visualizzazioni  118 |

Data 2022-12-20 | Visualizzazioni  104 |

Data 2022-11-27 | Visualizzazioni  446 |

Data 2022-11-09 | Visualizzazioni  165 |

Data 2022-09-17 | Visualizzazioni  289 |

Data 2022-09-17 | Visualizzazioni  173 |

Data 2022-06-04 | Visualizzazioni  245 |

Data 2022-05-14 | Visualizzazioni  7,908 |

Data 2022-05-12 | Visualizzazioni  300 |

La Bellezza del Natale: Buon Natale
Data 20-12-2022 | Visualizzazioni  562

 

La Bellezza del Natale: Buon Natale

Mauro Meruzzi

 Il Natale ci porta così tante considerazioni, ricordi, emozioni e speranze che potremmo sentirci sopraffatti da tale ricchezza. Associamo il Natale a riunioni di famiglia, pasti, regali e così via. Il Natale è anche vicino al solstizio d'inverno (21 dicembre), il giorno più corto dell'anno e, di conseguenza, l'inizio dell'allungamento delle giornate.

 Gesù è la luce del mondo.

 Al centro di tutto ciò vi è la scena di un neonato con sua madre. Questo è ciò che hanno visto i pastori (secondo il Vangelo di Luca) e i Magi (secondo il Vangelo di Matteo). Questa scena non è solo archetipica - qualcosa che suscita le nostre più profonde emozioni e ricordi -, è l'essenza stessa del Cristianesimo: l'incarnazione.

 C.S. Lewis ha scritto che l'incarnazione dovrebbe scioccarci. La stessa umiltà divina che decretò che Dio sarebbe diventato un bambino dal seno di una contadina, e che in seguito sarebbe stato arrestato in quanto predicatore itinerante dalla polizia Romana, decretò anche che avrebbe dovuto essere predicato in una lingua volgare, prosaica e non letteraria. L'Incarnazione è, in questo senso, una dottrina irriverente, e il Cristianesimo, una religione irrimediabilmente irriverente.

 Sì, questa religione irrimediabilmente irriverente pone al centro della sua esperienza (insieme alla Pasqua di Gesù – la sua crocifissione, morte e risurrezione –) una madre e un bambino.

 Nel vangelo di Luca, che meditiamo in questo anno liturgico, l'angelo dice ai pastori che questo sarà il segno: "troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia" (Lc 2,12). La "mangiatoia" ricorre per tre volte nell'arco di pochi versetti.

 Gesù è il cibo per l'umanità.

 Le "fasce" ci ricordano la morte e la risurrezione di Gesù (una connessione che il Vangelo di Giovanni fa e che è presente anche nelle icone Ortodosse).

 Nel Vangelo di Matteo Gesù nasce non in una stalla ma nella casa della sua famiglia, a Betlemme. Non ci sono pastori ma Magi dall'Oriente. Quando i Magi entrano in casa e vedono il bambino con sua madre, cadono all'istante in ginocchio e adorano (cf. Mt 2,11). Cosa vedono che li costringe a cadere in ginocchio e adorare? Perché così tanti artisti hanno raffigurato Gesù bambino con Maria? Perché San Francesco, nella notte di Natale del 1223, voleva rappresentare quella stessa scena?

 La nascita di Gesù, il Signore universale, ci dice qualcosa che tocca profondamente ognuno di noi. Parla della nostra origine, del nostro destino, della nostra storia e delle nostre storie, dei nostri sentimenti e della nostra immaginazione.

 Il Natale che celebriamo oggi è uno spiraglio di luce su un nuovo mondo in cui regna la comunione con Dio, con gli altri e con la creazione.

 Tale mondo è possibile perché è dall'eternità ed è il nostro futuro. 

 

Ultimi Accessi

Pina3 Online 21 minuti fa
Sole37 Online 26 minuti fa
Vincenzo69 Online 28 minuti fa
Graziana90 Online 1 ore fa
diret43 Online 1 ore fa

Nuovi Utenti

Edith - 2 giorni fa 47 anni / Italia
Bernardette82 - 5 giorni fa 40 anni / Italia
Marcolino - 8 giorni fa 30 anni / Italia
Elisadifucecchi - 9 giorni fa 57 anni / Italia
Dam78M - 9 giorni fa 44 anni / Italia